Android 12 “Snow Cone”: tutto ciò che sappiamo finora sul prossimo grande aggiornamento di Google, con le modifiche all’anteprima per sviluppatori 1!

Android 12 “Snow Cone”: tutto ciò che sappiamo finora sul prossimo grande aggiornamento di Google, con le modifiche all’anteprima per sviluppatori 1!

Android è il sistema operativo per smartphone più popolare al mondo, in esecuzione su miliardi di smartphone in tutto il mondo. Di conseguenza, anche il più piccolo dei cambiamenti nel sistema operativo ha il potenziale per influenzare milioni di utenti. Ma a causa del modo in cui vengono forniti gli aggiornamenti Android, è discutibile se queste modifiche facciano effettivamente la differenza. Nonostante ciò, non vediamo l’ora che arrivi il prossimo grande aggiornamento di Android nella speranza che apporti cambiamenti significativi. A proposito, Android 12 Developer Preview 1 è ora disponibile e apporta molti miglioramenti. 

Naviga in questo articolo:


Android 12 sarà davvero chiamato “Snow Cone”?

Android 12 si chiamerà… Android 12. Google ha abbandonato i nomi a tema dessert con Android 10. Quindi quello che otteniamo è solo Android 12, semplice, semplice e facile da seguire.

Detto questo, Google continua a utilizzare nomi a tema dessert nella sua base di codice interna. Android 10 era internamente noto come Quince Tart, Android 11 era Red Velvet Cake e ora sappiamo che Android 12 è internamente chiamato Snow Cone .

leggi anche: Le migliori app Android nel 2021


Quando verrà rilasciato Android 12?

Google non ha confermato la data esatta di rilascio al momento, ma la società ha condiviso un’ampia cronologia per le prossime anteprime degli sviluppatori, beta e versioni stabili.

Il programma Android 12 Developer Preview verrà eseguito da febbraio 2021 fino al rilascio pubblico finale per AOSP e OEM, pianificato per la fine dell’anno.

Anteprima per sviluppatori Android 12

Android 12 ha già fatto la sua prima apparizione con la prima Developer Preview di rilascio , che ha iniziato a rotazione su 18 febbraio 2021.

La Developer Preview per Android 11 è iniziata a febbraio 2020, poche settimane prima della consueta versione di marzo, che ha dato agli sviluppatori più tempo per adattare le loro app ai nuovi comportamenti della piattaforma e alle API introdotte nell’aggiornamento. Dal momento che la pandemia COVID-19 non è completamente esplosa in diverse parti del mondo, anche quest’anno Google sta seguendo una sequenza temporale più lunga.

Come suggerisce il nome, le anteprime per gli sviluppatori di Android 12 consentiranno agli sviluppatori di iniziare la migrazione della piattaforma e avviare il processo di adattamento per le loro app. Google dovrebbe dettagliare la maggior parte dei principali cambiamenti della piattaforma nelle anteprime per informare l’intero ecosistema Android di ciò che sta arrivando.

Le anteprime degli sviluppatori sono in gran parte instabili e non sono destinate agli utenti medi. Google si riserva inoltre il diritto di aggiungere o rimuovere funzionalità in questa fase, quindi non sorprenderti se vedi una funzionalità nella prima anteprima per sviluppatori mancante nelle versioni successive. Le anteprime degli sviluppatori sono anche limitate ai dispositivi Google Pixel supportati, anche se puoi provarle su altri telefoni caricando un GSI, se disponibile.

Android 12 Beta

Dopo un paio di versioni Developer Preview, ci dirigeremo verso le versioni Beta di Android 12 , con la prima prevista per maggio di  quest’anno. Queste versioni saranno un po ‘più raffinate e ci daranno un’idea chiara di come sarà la versione finale del sistema operativo. Potrebbero esserci anche versioni minori tra le Beta, principalmente per correggere eventuali bug critici.

In questo periodo inizieremo anche a vedere le versioni per dispositivi al di fuori della gamma di Google Pixel supportata. Gli OEM inizieranno a migrare le loro skin UX alla versione Beta di Android 12 e inizieranno le assunzioni per i propri programmi di “Anteprima”. Tuttavia, queste versioni potrebbero ritardare una versione rispetto a quelle disponibili su Google Pixel. Anche in questo caso, i bug sono da aspettarsi in questi programmi di anteprima e, come tali, sono consigliati solo per sviluppatori e utenti avanzati.

Android 12 Beta con stabilità della piattaforma

Dopo circa tre versioni beta, Android 12 raggiungerà lo stato di stabilità della piattaforma coesistente insieme allo stato beta. Ciò dovrebbe accadere nell’agosto di quest’anno. Stabilità della piattaforma significa che sono stati finalizzati l’SDK di Android 12, le API NDK, le superfici rivolte alle app, i comportamenti della piattaforma e persino le restrizioni sulle interfacce non SDK. Non ci saranno ulteriori cambiamenti in termini di come si comporta Android 12 o come funzionano le API nelle beta che seguono. A questo punto, gli sviluppatori possono iniziare ad aggiornare le loro app per scegliere come target Android 12 (livello API 31) senza preoccuparsi di eventuali modifiche impreviste che interrompono il comportamento delle loro app.

Candidato alla versione Android 12

Dopo una build Platform Stability, otterremo la nostra build Release Candidate di Android 12 . Questa build sarà il più vicino possibile alla build stabile, ma non completamente alla build stabile. Questa build mirerà essenzialmente a rilevare eventuali problemi critici che finora non sono stati rilevati, prima che la build inizi a essere distribuita ai consumatori. Google non si è impegnata per un mese di rilascio per queste build, ma possiamo aspettarcene uno a settembre .

Android 12 stabile

Dopo le build Release Candidate, Google lancerà la prima versione stabile di Android 12 . Ciò dovrebbe accadere a settembre o forse anche più tardi. Come nel caso, i dispositivi Pixel di Google dovrebbero essere i primi a ottenere versioni stabili di Android 12.

Per i telefoni non Pixel, ci aspettiamo di vedere beta pubbliche più ampie in questa fase. La tempistica esatta per lo stesso dipenderà dal tuo telefono e dai piani del suo OEM. Una buona regola pratica è che le ammiraglie avranno la priorità per l’aggiornamento, quindi se hai un telefono che è inferiore alla fascia di prezzo, puoi aspettarti di ricevere l’aggiornamento poche settimane o mesi dopo.


Il mio dispositivo avrà Android 12?

La risposta alla domanda “il mio dispositivo avrà Android 12” dipende in gran parte dal dispositivo che hai.

Google fornirà ufficialmente l’aggiornamento a questi dispositivi:

  • Pixel 5
  • Pixel 4a 5G
  • Pixel 4a
  • Pixel 4
  • Pixel 4 XL
  • Pixel 3a
  • Pixel 3a XL
  • Pixel 3
  • Pixel 3 XL

Questi dispositivi Google Pixel supportati riceveranno l’aggiornamento di Android 12 il primo giorno durante il ciclo di rilascio, salvo eventuali bug inaspettati.

La risposta è abbastanza complicata per i dispositivi Google Pixel non supportati e i dispositivi non Pixel. I pixel non supportati non riceveranno questi aggiornamenti da Google, ma dovrebbero essere in grado di installare il GSI al momento del lancio. Un dispositivo non Pixel è interamente a discrezione (leggi: pietà) dell’OEM e come esiste all’interno della loro linea di prodotti. È logico presumere che le skin UX più leggere come l’interfaccia utente Zen di ASUS saranno le prime ad aggiornare le loro ammiraglie a una base Android 12. In confronto, skin UX più pesanti come One UI di Samsung e MIUI di Xiaomi tendono a impiegare più tempo per ribasare le loro skin. Tuttavia, non è sempre così, poiché le skin UX più leggere sono state altrettanto lente nell’adozione, se non più lente. Pertanto, prevedere la sequenza temporale dell’aggiornamento di Android 12 per i non Pixel è molto difficile in questa fase.


Da dove scarico Android 12?

Per i dispositivi Google Pixel supportati e per i GSI, Google fornisce pacchetti ufficiali ospitati sul proprio sito web. Puoi trovare gli ultimi link per il download per Android 12 nel nostro articolo dedicato.


Come installare Android 12?

Sono disponibili istruzioni di installazione per Android 12  per percorsi di installazione comuni come Recovery, ADB e Fastboot per i dispositivi Pixel supportati sopra menzionati e tramite GSI per tutti gli altri dispositivi Project Treble non supportati.


Cosa c’è di nuovo con Android 12?

Vai avanti e prendi qualcosa da mangiare, forse un cono di neve, perché ci sono un sacco di cambiamenti, sia grandi che piccoli, che stanno arrivando con Android 12. Tutti i dossi della versione di Android portano con sé grandi cambiamenti. Tuttavia, i cambiamenti negli ultimi anni sono stati meno radicali dei cambiamenti radicali nei primi anni di vita di Android, il che è un segno della maturazione della piattaforma nel corso degli anni.

Ci stiamo concentrando su tutte le nuove modifiche in arrivo con ogni versione di Developer Preview, quindi evidenziando le modifiche che abbiamo riscontrato nelle perdite e nei commit del codice, ma che non abbiamo ancora visto nelle build live.

Novità di Android 12 Developer Preview 1: tutte le nuove funzionalità rivolte agli utenti

Anche se abbiamo un Hands-On dedicato di Android 12 Developer Preview 1 , vale comunque la pena menzionare tutte le modifiche che abbiamo individuato in questo post.https://www.youtube.com/embed/naI0-JYhKms?feature=oembed

Nuovo colore accento

Android ha uno sfondo prevalentemente bianco da Android 5 Lollipop. I temi scuri sono diventati una cosa con Android 10, mentre Android 11 ha portato con sé un selettore di colori accentati. Con Android 12 e più specificamente con questa specifica anteprima per sviluppatori, l’interfaccia utente sta assumendo una tonalità bluastra sia nei temi chiari che in quelli scuri.

Impostazioni di Android 12 con flag della funzione home setosa abilitata
Impostazioni di Android 12 con flag della funzione home setosa abilitata

Se ti stai chiedendo quale sia la fonte dell’esperienza utente vista negli screenshot trapelati , c’è dell’altro in arrivo .

Blocca schermo

Proprio come l’ombra delle notifiche, la schermata di blocco ora ha uno strato traslucido sullo sfondo. Anche l’animazione per lo sblocco della sequenza sembra essere leggermente più elastica.

Notifiche e modifiche rapide alle impostazioni

Con Android 11, Google ha leggermente ottimizzato il pannello delle notifiche aggiungendo spazi tra conversazioni, notifiche delle app e notifiche silenziose. Ciò continua con Android 12, ma invece di uno spazio completamente trasparente che separa le diverse categorie, vediamo uno sfondo traslucido con una sovrapposizione più chiara sullo sfondo.Notifiche di Android 11Notifiche Android 12

Le tessere Impostazioni rapide inattive ora mostrano un colore azzurro anziché grigio, ma non ci sono cambiamenti visibili nelle icone. L’ordine predefinito dei riquadri Impostazioni rapide è cambiato e Android 12 porta i pulsanti DND e Risparmio batteria sulla prima scheda mentre si spinge l’interruttore dei dati mobili sulla seconda scheda e la posizione viene disattivata dalle Impostazioni rapide predefinite.

Android 12 offre anche un’opzione “Riduci colori brillanti” e l’attivazione delle impostazioni rapide. Questa è una funzione di accessibilità che riduce la luminosità dello schermo oltre al controllo della luminosità standard. Puoi anche scorrere verso l’alto dalla barra di navigazione in basso con due dita per un accesso più rapido.

Modifiche alle impostazioni di accessibilità

Anche il menu delle impostazioni di accessibilità è stato rinnovato in Android 12. Mentre le opzioni principali sono facilmente accessibili dalla pagina principale, altre opzioni meno comunemente utilizzate come Dimensione carattere, Dimensione display, Correzione colore sono ora raggruppate in categorie come Testo e Display. Oltre a questa riorganizzazione, le linee orizzontali destinate a dividere le diverse opzioni di menu sono state rimosse, dando a questa pagina un aspetto più pulito.Impostazioni di accessibilità in Android 11Impostazioni di accessibilità in Android 12

Commutatori più grandi nelle Impostazioni

Per i controlli a livello di categoria, Android 12 sta ottenendo un interruttore più grande e più elaborato nella parte superiore della pagina che lo distingue dagli altri interruttori sotto di esso. Oltre a sottolineare la gerarchia dei controlli, non vediamo nessun altro utilizzo per questi controlli. Potremmo vedere più funzionalità per personalizzare la forma, le dimensioni e / o il colore dell’interruttore nelle build future.

Android 12 si attiva
Android 12 si attiva
Android 12 si attiva

Miglioramenti nell’usabilità con una sola mano

Proprio come One UI e OxygenOS 11, Android 12 ora ha più spazi vuoti nella parte superiore del display, che spinge i contenuti verso regioni più accessibili sul telefono.Impostazioni di Android 11Impostazioni di Android 12

Emoji su Screenshot Markup

Il menu di markup degli screenshot ti consente di aggiungere annotazioni agli screenshot che acquisisci in Android. Il menu markup aggiunge un’opzione per consentirti di aggiungere emoji insieme ad altre note o scarabocchi.

Emoji markup Android 12

Opzione di modifica nel foglio di condivisione

Oltre all’opzione per aggiungere emoji agli screenshot utilizzando il menu markup, Android 12 offre anche l’opzione per modificare e / o annotare qualsiasi file di immagine che potresti inviare. L’opzione è disponibile nel foglio di condivisione di Android 12 e mostra opzioni di markup simili all’editor di screenshot.

Notifiche Snooze

Android 12 ottiene un nuovo pulsante per posticipare le notifiche non importanti. Nelle versioni precedenti di Android, è possibile accedere alla funzione facendo scorrere la notifica a metà verso destra o sinistra e quindi toccando il pulsante snooze. Puoi anche scegliere tra durate di posticipo di 30 minuti, 1 ora o 2 ore. La funzione è stata aggiunta per la prima volta in Android Oreo, ma il gesto di scorrimento a metà ha limitato il suo utilizzo. In particolare, la funzione è disabilitata per impostazione predefinita, ma puoi abilitarla in Impostazioni> App e notifiche> Notifiche> Consenti posticipo delle notifiche .

Oltre a rendere più accessibile la posticipazione delle notifiche, Google potrebbe eliminare lo scorrimento a metà sulle notifiche con questa versione di Android.

Controlli multimediali

Android 11 ha aggiunto controlli multimediali persistenti nell’area Notifiche per controlli multimediali più semplici. Con Android 12, questi controlli multimediali stanno diventando più raffinati. In primo luogo, il lettore multimediale occupa uno spazio leggermente più ampio rispetto a prima con una grafica multimediale più grande e solo un’icona per il dispositivo senza il suo nome.Lettore multimediale in Android 11Lettore multimediale in Android 12

In secondo luogo, ora puoi selezionare quali app mostrare nei controlli multimediali e quali no. Puoi trovare l’opzione in Impostazioni> Suono e vibrazione> Media .

Condivisione nelle vicinanze per password Wi-Fi

Android consente agli utenti di connettersi facilmente allo stesso Wi-Fi degli altri eseguendo la scansione di un codice QR. Sebbene questa funzione sia stata introdotta nella versione beta di Android Q, Android 12 semplifica la condivisione delle password. Come riportato in precedenza , puoi condividere le password Wi-Fi utilizzando la condivisione nelle vicinanze. Ciò rende il processo di connessione a una nuova rete Wi-Fi quasi senza sforzo.Condivisione della password Wi-Fi utilizzando la condivisione nelle vicinanzePassword Wi-Fi Nelle vicinanze Condividi alla fine del destinatario

Reindirizza la vibrazione ai controller di gioco

Speravamo di vedere una modalità di gioco nativa su Android 12, ma non è ancora presente. Tuttavia, Android 12 offre la possibilità di reindirizzare i dati di feedback tattile dallo smartphone a un gamepad o controller di gioco nel caso in cui se ne utilizzi uno. Anche se questo sembra essere un tentativo di promuovere Stadia su Android, dovresti anche essere in grado di utilizzare la funzionalità con controller di terze parti dotati di un motore di vibrazione.

Vibrazione del controller di gioco Android 12

Finestra di dialogo delle autorizzazioni

Google ha introdotto una funzione di gestione delle autorizzazioni molto più suggestiva in Android Q. Ciò è molto utile se desideri rimanere cauto su come le app utilizzano i sensori del tuo telefono. Ora con Android 12, la finestra di dialogo delle autorizzazioni che viene visualizzata è stata leggermente modificata. Per alcune app che devono accedere al microfono o alla posizione, ora ottieni un collegamento per consentire “Accesso sempre” nelle Impostazioni.

Finestra di dialogo delle autorizzazioni di Android 12

SOS di emergenza

Google ha introdotto la funzione di rilevamento degli incidenti stradali sotto forma di app per la sicurezza personale di Pixel 4. Come indica il nome, la funzione ha lo scopo di rilevare incidenti e chiamare automaticamente i servizi di emergenza. In Android 11, la funzionalità si è evoluta ed è stata portata su altri dispositivi Pixel. Su Android 12, vediamo questa funzione essere promossa come un’impostazione di primo livello, ovvero è possibile accedervi direttamente dalla prima pagina dell’app Impostazioni.

Sebbene la funzione Crash Detection rimanga limitata a determinati paesi, una nuova funzione SOS di emergenza chiamerà una linea di assistenza di emergenza se premi il pulsante di accensione cinque volte. (In particolare, l’SOS di emergenza a tre tocchi è disponibile da tempo in India a seguito di un ordine del governo). La funzione consente anche di aggiungere un numero di assistenza SOS personalizzato diverso da quelli standard come 911 o 112. Oltre alla funzione di chiamata SOS, puoi anche attivare un allarme in modo da essere facilmente individuato quando arriva l’aiuto.

Reimposta classifica notifiche

Nelle Opzioni sviluppatore, puoi anche attivare la classifica delle notifiche adattive e la priorità delle notifiche adattive per consentire ad Android di riorganizzare le notifiche in base a come interagisci con le diverse app. Con Android 12, ora hai la possibilità di ripristinare questa classifica ora se non è secondo i tuoi gusti.

Importanza delle notifiche di ripristino di Android 12 (1)

Novità di Android 12 Developer Preview 1: tutte le nuove funzionalità in fase di sviluppo

Questa sezione include tutte le funzionalità che richiedono flag di funzionalità speciali o altri comandi per l’attivazione all’interno del nuovo Android 12 Developer Preview 1 e sono considerate in sviluppo al momento.

Sperimentale: nuova schermata di blocco e interfaccia utente delle notifiche

Se ricordi la copertura pre-rilascio di Android 12, ricorderai che avevamo ottenuto immagini di prototipi di design del nuovo aggiornamento , mostrando il sistema di tematizzazione che si diceva. Ora con Android 12 Developer Preview 1 nelle nostre mani, l’attuale UX presente è abbastanza distinto da quello che avevamo visto nelle immagini trapelate.

Attuale schermata di blocco e interfaccia utente di notifica di Android 12 DP1

Tuttavia, i mockup sono ancora corretti, poiché la nuova schermata di blocco e l’interfaccia utente delle notifiche sono presenti all’interno dell’anteprima per sviluppatori 1, ma disabilitate per impostazione predefinita per gli utenti. Sono presenti anche altre modifiche, ma non siamo ancora stati in grado di abilitarle sul nostro dispositivo.

Nuovo design della schermata di blocco di Android 12
Nuovo design della schermata di blocco di Android 12
Android 12 nuovo Always on Display

Lockscreen in sviluppo di Android 12 e interfaccia AOD

Come possiamo vedere sopra, Google sta sperimentando il design e il layout della schermata di blocco in Android 12. Alcuni dei possibili cambiamenti includono la messa in primo piano dell’orologio digitale. Le ore ora sono al di sopra dei minuti e il carattere è enorme. Nel frattempo, il widget A colpo d’occhio è stato spostato nell’angolo in alto a sinistra. Quando arriva una notifica, l’orologio si restringe e si sposta in alto a destra nella schermata di blocco. In Always On Display, le icone di notifica vengono visualizzate in alto a sinistra sotto il widget A colpo d’occhio anziché al centro.

Si noti che le modifiche sono ancora in gran parte un work-in-progress, e quindi possono essere soggette a molte modifiche. È possibile che questo design abbia un aspetto un po ‘migliore una volta che Google abilita la personalizzazione dell’orologio della schermata di blocco, ma non siamo riusciti a visualizzare altri tipi di orologio in questa visualizzazione.

Inoltre, si stanno lavorando anche alle modifiche del pannello di notifica mostrate nei mockup, ed ecco come appare nell’attuale fase di sviluppo. Invece dello sfondo per lo più trasparente dell’interfaccia utente corrente, Google sta invece testando uno sfondo opaco che corrisponda al tuo tema giorno / notte. Il colore dello sfondo potrebbe corrispondere allo sfondo una volta che il sistema di temi di Android 12 (nome in codice “denaro”, menzionato più avanti in questo articolo) sarà attivo.

Nuova interfaccia utente del pannello delle notifiche di Android 12
Nuova interfaccia utente del pannello delle notifiche di Android 12
Nuova interfaccia utente del pannello delle notifiche di Android 12
Nuova interfaccia utente del pannello delle notifiche di Android 12

Interfaccia del pannello delle notifiche in sviluppo di Android 12

Oltre allo sfondo opaco, abbiamo anche individuato la barra della luminosità più spessa che abbiamo menzionato in precedenza. L’attuale barra della luminosità di Stock Android è una barra sottile, mentre il nuovo design è più una pillola spessa. Le tessere Impostazioni rapide non sono cambiate, sebbene le etichette siano scomparse da questa iterazione. Sappiamo che Google sta lavorando a un altro design che posiziona le etichette sui lati, ma non siamo ancora riusciti a farlo funzionare.

“Silky Home” per ulteriori miglioramenti nell’usabilità con una sola mano

Basandosi sui miglioramenti per l’usabilità con una sola mano, Android 12 ti consente di fare un salto di qualità con un flag di funzionalità chiamato “Silky Home”. L’attivazione del flag della funzione Silky Home spinge gli elementi sulla pagina più in basso, rendendoli ancora più facili da accedere.

Per provarlo, esegui il comando ADB: adb shell settings put global settings_silky_home true

leggi anche: Migliori Smartwatch 2021

Sistema di temi espanso basato su sfondi

Nella corsa ad Android 12, Google è stato avvistato mentre lavorava su quello che sembrava essere un sistema di temi espanso basato su sfondi . A quanto pare, Android 12 Developer Preview 1 viene effettivamente fornito con un sistema di temi espanso basato su sfondi che ha il nome in codice “monet”, sebbene sia disabilitato per impostazione predefinita per gli utenti.

Quando abilitato, il sistema sceglierà un colore di sfondo per le notifiche e un colore di accento per le tessere Impostazioni rapide da uno dei colori dominanti dello sfondo della schermata iniziale.

Sistema di temi basato su sfondi Android 12
Sistema di temi basato su sfondi Android 12
Sistema di temi basato su sfondi Android 12
Sistema di temi basato su sfondi Android 12

Il tema ricolora anche la pagina Impostazioni con il colore dominante come accento.

Inoltre, il tema influisce anche sulla schermata di blocco in fase di sviluppo e sull’interfaccia utente delle notifiche:

Anche in questo caso, questa funzione è in fase di sviluppo e non è disponibile per gli utenti anche se è presente in Android 12 Developer Preview 1.

Modalità dedicata a una mano

Se anche Silky Home non lo taglia per te, c’è una modalità One-Handed dedicata presente all’interno di Android 12 Developer Preview 1 . Tieni presente che questa funzione non è disponibile per gli utenti e deve essere abilitata separatamente.

Una volta abilitata, questa implementazione nativa della modalità One-Handed funziona in modo molto simile alla modalità Raggiungibilità di Apple in quanto riduce il contenuto visualizzato solo verticalmente. Altri strumenti OEM su Android preferiscono ridurre il contenuto visualizzato sia verticalmente che orizzontalmente, un approccio con cui Google non è d’accordo al momento. La funzione è janky nella sua forma attuale e ha sicuramente bisogno di più raffinatezza prima che possa essere pronta per la prima serata.

Screenshot a scorrimento

Lo scorrimento delle schermate come funzione è presente da anni sulle skin OEM, ma non è mai stato implementato in modo nativo all’interno di Android come piattaforma. La funzione è stata individuata in Android 11 Developer Preview ma è stata eliminata dalle build stabili poiché necessitava di più lavoro. Con Android 12 Developer Preview 1, gli screenshot a scorrimento sono tornati , ma la funzione richiede ancora più lavoro. Non è ancora abilitato per impostazione predefinita e non sappiamo se la funzione sarà pronta in tempo per il rilascio stabile anche per quest’anno.

Widget migliorati: Widget Stacking, Conversation Widget

Google sta riportando l’attenzione sui widget quest’anno. Innanzitutto , Widget Stacking sembra essere un work-in-progress , con funzionalità in sviluppo che indicano una versione “migliorata” e una “espansa” del widget At a Glance di Pixel Launcher. Questa funzionalità è dietro un flag di funzionalità al momento e necessita ancora di più lavoro prima che possa arrivare nelle mani dei consumatori.

Inoltre, anche il widget Conversation individuato nella perdita di Android 12 è in fase di sviluppo .

Scorri verso il basso per visualizzare l’ombra delle notifiche

Un’altra funzionalità in fase di sviluppo è la possibilità di scorrere verso il basso vicino alla barra di navigazione per richiamare l’ombra delle notifiche da qualsiasi app . Molti launcher consentono già agli utenti di abbassare l’ombra delle notifiche con un gesto di scorrimento verso il basso sulla schermata iniziale. Ma questo nuovo gesto è diverso in quanto ti consente di richiamare l’ombra delle notifiche anche quando non sei sulla schermata iniziale. Lo scorrimento viene registrato da appena sopra la barra di navigazione gestuale verso il bordo inferiore del display, quindi puoi aspettarti di non dover fare ginnastica a mano per raggiungere la barra di notifica nelle versioni future.

Stato del suono “automatico” per le notifiche

In Android 11, quando scorri a metà su una notifica e fai clic sull’icona a forma di ingranaggio, vengono visualizzate due opzioni: Predefinito e Silenzioso. Lo stato predefinito corrisponde al profilo audio a livello di sistema e può consentire alla notifica di suonare o vibrare a seconda del profilo audio selezionato. Nel frattempo, la scelta dell’opzione silenziosa qui disabilita completamente il suono e la vibrazione per la suddetta app, indipendentemente dal profilo audio del sistema. In Android 12, tuttavia, Google sta lavorando per aggiungere una terza opzione chiamata Automatica, che, non a caso, decide automaticamente se la notifica deve emettere un suono o una vibrazione.Android 11Android 12 aggiunge una nuova opzione automatica

Miglioramenti Picture-in-Picture

Sebbene la funzione Picture-in-Picture (PiP) sia disponibile da Android Oreo, è stata piuttosto limitata in termini di usabilità. Con Android 11, Google ha finalmente aggiunto la possibilità di ridimensionare la finestra PiP tenendo premuto e trascinando uno degli angoli giusti, ma l’esperienza al momento è molto stridente. Il problema potrebbe essere risolto con Android 12 in quanto ottiene una nuova funzionalità di zoom per PiP , come previsto in precedenza . Oltre a un ridimensionamento più semplice, sarai anche in grado di “nascondere” la finestra PiP sul lato dello schermo per un utilizzo senza ostacoli.

Nessuna di queste funzionalità è abilitata per impostazione predefinita ed entrambe devono essere abilitate manualmente.

Indicatori di privacy: avvisi espliciti, riquadri delle impostazioni rapide nascoste

Mentre dobbiamo ancora vedere gli indicatori visivi per l’utilizzo della fotocamera o del microfono che sono stati individuati per la prima volta nella perdita di Android 12 , Google si sta preparando ad aggiungere avvisi espliciti per attivare il microfono e l’utilizzo della fotocamera, anche nelle app di sistema Fotocamera e Registratore. La funzionalità è attualmente in una fase sperimentale e disabilitata per impostazione predefinita.

Inoltre, ci sono tessere Impostazioni rapide nascoste per disattivare il microfono e bloccare la videocamera.

Dashboard dell’hub di gestione delle autorizzazioni

Nel periodo gennaio-febbraio 2019, siamo riusciti a mettere le mani su una build trapelata di Android Q prima del rilascio ufficiale di Google Developer Preview. All’interno di questa build, potremmo individuare un nuovo hub di gestione delle autorizzazioni. Molto di ciò che abbiamo scoperto è stato rilasciato nella versione stabile ufficiale di Android 10, ma mancava una pagina in particolare: quella del “Dashboard di utilizzo delle autorizzazioni”. Questa dashboard ha presentato una panoramica delle autorizzazioni utilizzate sul tuo dispositivo da varie app, dandoti un’idea abbastanza ampia per vedere quale rimane l’autorizzazione più richiesta (o abusata) sul tuo dispositivo. Come accennato, le build ufficiali di Android 10 e successive da allora non contenevano questa dashboard di utilizzo delle autorizzazioni. Su Android 12 Developer Preview 1, il dashboard di utilizzo delle autorizzazioni è tornato, ma solo come strumento interno a scopo di debug.

Migliore multitasking con schermo diviso con coppie di app

Lo schermo diviso come funzionalità è presente su Android da diversi anni, ma è un po ‘macchinoso da eseguire. Samsung ha ampliato ulteriormente la funzionalità con la sua funzione “App Pair” sul pannello Edge su One UI. Puoi essenzialmente selezionare due app che desideri aprire contemporaneamente e quindi fare clic sull’icona risultante per farlo molto rapidamente. Anche LG e Microsoft avevano idee simili per i loro dispositivi a doppio schermo, sebbene l’approccio di Samsung funzionasse meglio sugli smartphone convenzionali. Si dice che Google porterà questa funzionalità di App Pairs su Android e Android 12 ha effettivamente le funzioni, anche se sono nascoste e non sono disponibili liberamente. Siamo riusciti ad accoppiare due app e ad avviarle contemporaneamente sullo schermo diviso utilizzando i comandi della shell, ma non siamo ancora stati in grado di capire come aggiungere l’icona accoppiata alla schermata iniziale.

Machine learning per il gesto indietro con scorrimento laterale

Android 10 ha portato con sé un sistema di navigazione gestuale a schermo intero, incluso un gesto di scorrimento laterale su entrambi i lati del display che emula il comportamento del pulsante Indietro. Tuttavia, a causa del modo in cui le app sono state sviluppate in passato prima dell’implementazione di questa modifica, molte app utilizzavano ancora i cassetti di navigazione che si basavano anche sullo scorrimento laterale, provocando un conflitto con la navigazione e terminando con un’esperienza utente confusa.

Con Android 12, Google potrebbe pianificare di utilizzare l’apprendimento automatico per rilevare il gesto di ritorno . Gli sviluppatori hanno notato la presenza di un nuovo modello di TensorFlow Lite e di un file vocab chiamato “backgesture”. Il file contiene un elenco di 43.000 nomi di pacchetti per le app Android. Google potrebbe addestrare il suo modello di machine learning contro queste app, utilizzandole per determinare l’inizio e gli endpoint più frequenti per il gesto all’indietro su base app per app. Quando il flag della funzionalità corrispondente sarà abilitato, Android 12 utilizzerà il modello di Machine Learning addestrato per prevedere se l’utente intendeva eseguire un gesto all’indietro o se desiderava semplicemente navigare nell’app. Quando il flag rimane disabilitato, Android 12 torna semplicemente al metodo di rilevamento dello scorrimento indietro standard.

Specifiche per Pixel 5: doppio tocco indietro gesto

Se disponi di un Pixel 5, Google ha una funzione bonus pronta per te nell’anteprima per sviluppatori di Android 12 1. Puoi trovare un nuovo gesto con doppio tocco indietro in Impostazioni> Sistema> Gesti. I gesti di doppio tocco consentono all’utente di toccare il retro del telefono per eseguire / attivare una serie di azioni. Questi gesti non richiedono alcun hardware speciale. Si affidano all’accelerometro e al giroscopio del telefono per determinare il tocco dell’utente. Attualmente, il gesto del doppio tocco ti offre cinque opzioni tra cui scegliere:

  • Apri Assistente
  • Fai uno screenshot
  • Riproduci e metti in pausa i contenuti multimediali
  • Visualizza le app recenti
  • Apri le notifiche

Puoi anche regolare la sensibilità del tocco a tuo piacimento. Tuttavia, la funzionalità non sembra funzionare nella sua attuale implementazione. Un altro punto da notare è che questo è stato individuato per la prima volta in Android 11 Developer Preview 1 ma non è mai arrivato alla versione finale.


Novità di Android 12 Developer Preview 1: tutte le modifiche appena annunciate per gli sviluppatori

Oltre alle funzionalità che abbiamo individuato, Google ha anche annunciato diversi cambiamenti chiave come parte del loro annuncio ufficiale .

Ci sono una serie di modifiche chiave, tra cui il supporto delle immagini AVIF, l’inserimento di contenuti ricchi, miglioramenti audio multicanale, ART tramite Project Mainline e molto altro ancora. Ti consigliamo vivamente di fare riferimento all’annuncio in quanto fornisce maggiori dettagli su tutte queste modifiche al backend.


Funzionalità trapelate ma non ancora disponibili in Android 12

Avevamo già una buona idea di cosa aspettarci con Android 12 anche prima che Android 12 Developer Preview 1 arrivasse nelle nostre mani. Ma lo sviluppo del sistema operativo è un ciclo complesso e ciò che è spesso trapelato può o non può tornare nella versione. Siamo ancora nei primissimi giorni di Android 12, quindi c’è la possibilità che alcune di queste modifiche trapelate si facciano strada nella versione stabile alla fine – o potrebbero non farlo, può andare in entrambe le direzioni.

Modifiche al display sempre attive

Non abbiamo più screenshot da condividere, ma sappiamo che Google si sta preparando anche a modificare il layout di Always On Display in Android 12. Alcune delle modifiche in fase di sviluppo includono lo spostamento delle icone di notifica per Always On Display in modo che non siano più centrate nel nuovo layout, lo spostamento della visualizzazione dell’orologio e dello spazio intelligente da allineare in alto, lo spostamento del pulsante di disconnessione inferiore e del proprietario informazioni nella parte inferiore della schermata di blocco piuttosto che nella vista blocco tastiera e aggiungendo il testo Now Playing del Pixel al testo rotante nella schermata di blocco. Potrebbero esserci anche nuove transizioni AOD / schermata di blocco, ma non sappiamo come saranno. Tuttavia, queste modifiche al layout e alla transizione probabilmente non saranno presenti nelle build di anteprima per sviluppatori Android 12 poiché Google si sta preparando a nascondere queste modifiche utilizzando una sovrapposizione “GX” (Google Experience?).

Materiale NEXT

Si prevede che i cambiamenti che Android 12 apporterà alla UX faranno parte degli sforzi “road to Material NEXT” . Le linee guida di Material Design di Google si sono evolute in modo significativo dalla loro introduzione iniziale. Più di recente, le linee guida si sono evolute per incoraggiare le aziende ad adottare le proprie identità oltre al Material Design. Ad esempio, le app di Google generalmente seguono il design del “Material Theme” dell’azienda . Anche se non sappiamo ancora esattamente quali modifiche apporteranno al materiale di progettazione “NEXT”, ci aspettiamo che siano abbastanza sostanziali. Dubitiamo che Material “NEXT” sarà il nome effettivo delle nuove linee guida di progettazione; dopo tutto, Google non ha mai definito esternamente le modifiche al tema del materiale come “Material Design 2.0”, anche se lo sappiamo è così che vi si riferivano internamente . Inoltre, non sappiamo se le modifiche al materiale NEXT comprenderanno qualcosa di più delle semplici notifiche.

Indicatori sulla privacy e modifiche alle impostazioni sulla privacy

Gli screenshot seguenti mostrano quelli che sembrano indicatori di privacy. Gli utenti potrebbero ricevere un avviso negli indicatori della barra di stato ogni volta che un’app utilizza la fotocamera o il microfono. Toccando queste icone della barra di stato potrebbe essere visualizzato un pop-up nella parte superiore dello schermo che ti dice esattamente quali app stanno utilizzando la fotocamera o il microfono. Google sta testando questi chip per la privacy da oltre 2 anni ormai , quindi sarebbe bello vederli finalmente fare la loro comparsa in Android 12. Questi indicatori di fotocamera e microfono potrebbero persino essere obbligatori da includere nelle build di Android 12, con documenti trapelati che indicano che questi indicatori devono essere visualizzati in modo ben visibile nella parte superiore dello schermo, essere sempre visibili ogni volta che si accede alla telecamera o al microfono e devono avere lo stesso colore in tutto l’ecosistema.

Le impostazioni “Privacy” all’interno di Android potrebbero anche vedere un rinnovamento con Android 12. Le nuove impostazioni sulla privacy possono contenere interruttori per disabilitare la fotocamera e disattivare completamente il microfono, oltre a commutare l’accesso alla posizione. È già possibile disabilitare tutti i sensori sul dispositivo utilizzando il riquadro Impostazioni rapide “sensori disattivati”, ma questo riquadro può essere visualizzato solo dopo aver abilitato le Opzioni sviluppatore. Android 12 può rendere il sensore più accessibile all’utente posizionandolo nelle impostazioni sulla privacy.

Impostazioni sulla privacy di Android 12

Nuove animazioni a bolle

La funzione Bubble di Android è impostata per ottenere alcune modifiche all’interfaccia utente con Android 12. Innanzitutto, Google sta lavorando a nuove animazioni per le bolle . Ci sarà un’animazione in dissolvenza / ridimensionamento quando si trascina una bolla espansa, animazioni di espansione / compressione più morbide e una transizione più morbida tra le bolle. In modalità orizzontale, le bolle verranno visualizzate verticalmente sul lato sinistro / destro anziché orizzontalmente in alto. Google sta inoltre abilitando il dimensionamento flessibile delle bolle e il posizionamento fisso, due funzionalità che si dice siano progettate per Chrome OS e il suo contenitore ARC ++.

Funzionalità anti-tracciamento

Sebbene questa funzionalità non sia stata rivelata in una fuga di notizie, Google ha espresso l’intenzione di creare una versione “meno rigorosa” della funzione di trasparenza del monitoraggio delle app di Apple . Google sta cercando di bilanciare la privacy con un ecosistema supportato da pubblicità. Pertanto, la versione di Google della funzione sarà probabilmente meno rigida e potrebbe non richiedere agli sviluppatori di ottenere l’autorizzazione dagli utenti per tenere traccia dei propri dati.

L’approccio che Google potrebbe adottare per Android potrebbe essere simile a quello pianificato per il browser web Chrome. Google aveva già annunciato l’intenzione di eliminare gradualmente i cookie di terze parti in Chrome entro due anni. Invece, il browser utilizzerà un’alternativa che consente un targeting degli annunci con una raccolta di dati meno specifica. Gli inserzionisti potranno scegliere come target gruppi di persone con interessi simili, ma non individui.

Miglioramenti di Runtime Resource Overlay (RRO) di Android

La funzione Runtime Resource Overlay (RRO) di Android sta ottenendo un importante aggiornamento . Gli RRO sono stati tradizionalmente pacchetti APK che devono essere installati sul dispositivo prima di poter essere attivati, ma Android 12 dovrebbe essere in grado di generare RRO non APK al volo. Sarà interessante vedere come viene utilizzato, ma supponiamo che questo aprirà la possibilità di generare molti temi personalizzati che non devono essere installati come app a livello di sistema. Attualmente, la maggior parte dei pacchetti di temi che utilizzano l’API RRO / OMS vengono installati come pacchetti statici in partizioni di sola lettura. La generazione di pacchetti RRO al volo potrebbe essere ciò che rende possibile il nuovo sistema di temi “monet” di Android 12 (menzionato sopra).

Caratteristica della cassetta delle lettere

Stiamo vedendo menzioni di una funzione “cassetta delle lettere” che Google sta sperimentando. Queste “cassette delle lettere” sembrano essere un nuovo modo di inserire le app in una cornice / finestra e avranno angoli arrotondati regolabili e colore di sfondo configurabile. Tuttavia, non siamo del tutto sicuri per cosa verrà utilizzato.

Splashscreen predefinito

Per le applicazioni di terze parti che non dispongono di schermate iniziali , Android 12 potrebbe generare una finestra della schermata iniziale predefinita che è chiara o scura in base all’impostazione del tema DayNight corrente. Questo potrebbe essere parte di uno sforzo più ampio per migliorare l’esperienza di avvio dell’app.

Modalità di rete limitata

Google è stato avvistato mentre lavorava su una nuova funzionalità di modalità di rete con restrizioni per Android 12, anche se potrebbe non essere il firewall a livello di sistema che probabilmente desideri che sia.

Quando questa nuova modalità di rete con restrizioni è attivata, solo le app che dispongono dell’autorizzazione CONNECTIVITY_USE_RESTRICTED_NETWORKS potranno utilizzare la rete. Poiché questa autorizzazione può essere concessa solo alle applicazioni di sistema privilegiate e / o alle applicazioni firmate dall’OEM, l’accesso alla rete sarà bloccato per tutte le applicazioni installate dall’utente. In effetti, ciò significa che riceverai comunque notifiche push dalle app che utilizzano Firebase Cloud Messaging (FCM), poiché queste notifiche vengono instradate attraverso l’app Google Play Services privilegiata che detiene l’autorizzazione richiesta. Tuttavia, nessun’altra app, ad eccezione di una manciata di altre app di sistema, può inviare o ricevere dati in background.

Non c’è alcuna indicazione che Google aprirà la funzione per consentire agli utenti di creare il proprio elenco di autorizzazioni o blocklist di app.

Sospensione delle app inutilizzate

Uno dei commit individuati nel periodo precedente all’Android 12 Developer Preview indica che Google potrebbe aggiungere una nuova funzione di ibernazione dell’app . Il servizio di sistema di ibernazione dell’app ” gestisce lo stato di ibernazione dell’app, uno stato in cui le app possono entrare significa che non vengono utilizzate attivamente e possono essere ottimizzate per l’archiviazione. ” Non conosciamo i parametri utilizzati per classificare lo stato di ibernazione / non utilizzo dell’app. Sappiamo dai commit che la funzione di ibernazione dell’app cancellerà automaticamente i file della cache di un’app ed eliminerà i suoi file artefatti di compilazione. La quantità di spazio che verrà liberata eliminando questi file probabilmente non sarà molto, soprattutto rispetto alle dimensioni dei file delle immagini o dei video memorizzati nella cache. Tuttavia, su dispositivi di fascia bassa con piccole quantità di memoria interna, il risparmio di dozzine di megabyte libererà spazio per dozzine di foto aggiuntive.

Rotazione automatica intelligente

L’autorotazione su Android si basa sul giroscopio e sull’accelerometro del telefono. Ma in molti casi durante la giornata, non sempre otteniamo i risultati desiderati per il contesto. Google potrebbe considerare questa come un’opportunità per applicare parte della sua magia AI con una funzione di “rotazione automatica intelligente” in Android 12 . I dettagli sono scarsi, ma la funzione potrebbe utilizzare la fotocamera frontale del telefono per rilevare la posizione della testa prima di cambiare l’orientamento.

Modalità di gioco

Le skin OEM hanno ampiamente adottato diverse varianti di una “Modalità di gioco” in cui il dispositivo modifica alcune impostazioni per rendere più facile il gioco per un periodo di tempo più lungo, senza che l’utente debba attivare queste modifiche ogni volta che entra o esce dal gioco. Android come piattaforma non ha alcuna modalità di gioco, ma ciò potrebbe cambiare con Android 12. Il nuovo “servizio GameManager” in Android 12 è descritto come un “servizio per gestire le funzionalità relative al gioco”, consentendo di “gestire la modalità di gioco e persistere i dati “durante il riavvio. Le nostre informazioni attuali sono correlate a qui, ma possiamo ulteriormente ipotizzare che questa potrebbe essere un’API per i giochi per attivare una “modalità di gioco” di base sui dispositivi. Questa “modalità di gioco” potrebbe gestire alcune impostazioni di base come la luminosità automatica, la rotazione automatica, la modalità Non disturbare e altro ancora.

API per controller Bluetooth collegati

Google sta anche unendo una nuova API Bluetooth in Android 12 che consentirà ai giochi di rilevare il livello della batteria dei controller Bluetooth collegati. Ciò consentirà al gioco di informarti quando il tuo controller sta per morire, dandoti il ​​tempo di trovare un posto in cui mettere in pausa e quindi ricaricare il controller.

Supporto Rumble per controller di gioco

Al momento Android fornisce solo un supporto minimo per la vibrazione dei dispositivi di input collegati, limitandoli all’accensione e allo spegnimento e senza alcun modo per controllare l’ampiezza delle vibrazioni o generare effetti di vibrazione personalizzati. Ma questo potrebbe cambiare con Android 12, poiché sono previsti miglioramenti al supporto rumble del dispositivo di input . Il codice presentato ad AOSP aggiunge il supporto per il controllo dell’ampiezza e apre la strada alla generazione di effetti di vibrazione personalizzati.

Tuttavia, tieni presente che questi commit non sono stati uniti. Quindi potrebbero non arrivare in tempo per la versione finale di Android 12.

Emoji disaccoppiati

Android 12 risolverà uno dei fastidi minori di Android. Ogni volta che Unicode riceve nuovi emoji, dobbiamo aspettare che un aggiornamento del sistema operativo raggiunga i nostri telefoni prima di poterli effettivamente rendere parte del nostro gergo Internet. Google sta semplificando la ricezione di nuovi emoji separandoli dagli aggiornamenti del sistema Android. Ciò significa che è possibile aggiungere nuovi emoji ai telefoni semplicemente spingendo un file di font aggiornato invece di richiedere un aggiornamento completo del sistema solo per questa modifica.

I commit per questa modifica sono stati uniti molto prima della versione stabile, quindi è probabile che questa funzione venga fornita con Android 12.

API a banda ultra larga

Samsung è stato il primo OEM Android a incorporare la tecnologia Ultra-Wideband (UWB) per facilitare il posizionamento interno preciso dei dispositivi domestici intelligenti e la trasmissione dati peer-to-peer ad alta velocità. Xiaomi ha anche pianificato di salire a bordo con UWB e possiamo sicuramente aspettarci che anche molti altri OEM Android salgano a bordo. Per gestire questa nuova tecnologia, Google ha aggiunto un’API ad AOSP per supportare UWB .

Il Galaxy S21 + e il Galaxy S21 Ultra supportano la banda ultra larga per trovare e sbloccare auto selezionate.

L’API è stata aggiunta in tempo per essere inclusa in Android 12, ma resta da vedere se verrà effettivamente incorporata. Tieni presente che le API UWB sono contrassegnate come SystemAPIs in questo momento, quindi non saranno accessibili alle app di terze parti, anche se non siamo sicuri del motivo per cui questa restrizione è in atto.

“Suggerimenti per l’installazione” per velocizzare l’installazione di app importanti sui nuovi telefoni Android

Migrare a un nuovo telefono Android è un problema che è stato alleviato solo marginalmente in tutti questi anni. Google è stato avvistato mentre lavorava sui “suggerimenti di installazione” come funzionalità per consentire agli app store di decidere quale filtro del compilatore utilizzare durante l’installazione in blocco di nuove app, rendendo più rapida la configurazione di un nuovo telefono. Questa funzione è destinata principalmente all’app store, ovvero Google Play Store in questo contesto, che avrà la possibilità di dare la priorità alle app più utilizzate dal vecchio dispositivo e installarle più rapidamente sul nuovo telefono.

Facilità di utilizzo per App Store di terze parti

Android come sistema operativo consente agli utenti di installare app da fonti diverse da Google Play Store. Ma quando Epic Games ha intentato una causa contro Google (e Apple) , la società si è lamentata del fatto che gli utenti devono concedere autorizzazioni che utilizzano un linguaggio dissuasivo nell’installazione di app al di fuori del Play Store. Inoltre, tali meccanismi di sideload non hanno la capacità di installare e aggiornare in modo silenzioso le app, mettendo gli app store di terze parti in uno svantaggio intrinseco rispetto al Google Play Store.

Un esempio delle istruzioni che devi seguire per eseguire il sideload di un’app su Android.

Allora, Google ha replicato contro Epic. Nell’annuncio di risposta , Google ha affermato che avrebbe apportato modifiche ad Android 12 che renderanno ancora più facile per le persone utilizzare altri app store sui propri dispositivi facendo attenzione a non compromettere le misure di sicurezza che Android ha in atto. L’azienda non ha condiviso quali siano queste modifiche, ma dobbiamo tenere d’occhio le misure introdotte per la facilità d’uso per gli app store di terze parti su Android 12.

Supporto VPN WireGuard nel kernel Linux

WireGuard è un protocollo VPN di nuova generazione che presenta standard di crittografia moderni e dispone di una base di codice sicura e verificabile. Dopo la sua inclusione in  Linux Kernel 5.6 , Google ha aggiunto il supporto per il protocollo all’albero Linux Kernel 4.19 e Linux Kernel 5.4 di Android 12 . Ciò significa che l’accelerazione del kernel per WireGuard sarà supportata in Android 12 su dispositivi con Linux Kernel 4.19 e 5.4. Tuttavia, resta da vedere se Google aggiungerà API per interfacciarsi con il modulo del kernel.


Informazioni raccolte e tradotte da Xda-Developers

Lascia un commento